fbpx
  • RISTORANTE “ALT” CASTEL DI SANGRO

    Intervista alla Chef Veronica Forchielli

5 Agosto 2020

Dall’imprenditorialità e dall’intuito dello chef Niko Romito, sempre sostenuto dalla brigata del Reale, ristorante e centro pulsante della sua creatività gastronomica, negli anni sono sbocciati diversi progetti.
Nel 2018 nasce ALT, caffè, ristorante, rosticceria e tavola calda con cucina alla brace. Locale su strada accogliente e informale, dove fermarsi per una pausa itinerante, una cena tra amici o per acquistare buon cibo da portar via.
A casa mia cucinavano tutti!” inizia così la nostra chiacchierata con Veronica Forchielli, chef marchigiana a capo della cucina di ALT. “Anche da piccola, i miei giochi preferiti erano impastare e fare i biscotti. Ho studiato all’istituto alberghiero, e in contemporanea ho iniziato a lavorare in cucina negli hotel della costa marchigiana.

La cucina semplice, vera e non solo di immagine del locale, si sposa in pieno con la personalità e i valori di Veronica, ed è proprio ciò che l’ha spinta a collaborare con lo chef Niko Romito. “La scelta dei prodotti è essenziale, deve coniugare qualità, costo e sostenibilità” ci spiega.
Entrando, si percepisce immediatamente l’atmosfera di ALT, giovane, divertente ed inclusiva. “Ci si può imbattere in tante tipologie di cliente, dalla signora del paese accanto al giornalista gourmet” ci racconta Veronica. “Si mangia in maniera informale e si gode, tutti insieme, della bontà e della convivialità che la cucina regala“.
ALT è un locale che può definirsi sostenibile perché compie ogni giorno dei gesti consapevoli: sceglie  prodotti del territorio, promuove un modello di alimentazione sano e in linea con la stagionalità dei cibi. La scelta di un’acqua buona che rispetta il pianeta, non poteva che accompagnare questa filosofia.

“Acqua Alma è stata una decisione che ci ha visti coesi all’interno del gruppo Niko Romito. Una presa di posizione importante, che ci consente ogni giorno di lanciare un messaggio per noi essenziale, a tutte le persone che frequentano il locale”.

Prima di lasciarci ci svela un segreto: l’ingrediente “segreto” del loro rinomato pane, è proprio Acqua Alma.